Contatti consulente di marketing strategico: scrivi@alfiopulvirenti.com

IMPARA COME EINSTEIN:

Segreti e tecniche per imparare qualsiasi cosa, sviluppare la creatività e scoprire il Genio che è in te (Strategie dei Geni Vol. 1) (Italian Edition)

Roberto Morelli

In questa pagina trovi i punti salienti che ho estrapolato dal libro Impara come Einstein (Italian Edition) di Roberto Morelli, spero di poterti esserti utile sia nel caso in cui tu abbia già letto il libro e intenda ripassare e memorizzare meglio i concetti, sia nel caso in cui tu intenda acquistarlo.

Ti ricordo che trovi molti altri contenuti interessanti nella sezione “risorse gratuite” di www.AlfioPulvirenti.com e se vuoi realizzare o rendere il tuo sito più profittevole puoi contattarmi compilando l’apposito modulo: “Consulenza Marketing Strategico“.

 

 

 

Iniziamo subito, ecco i punti salienti che ho estrapolato dal libro:

1) Suona ciò che ti piace, anche se l’insegnante non ti assegna quel pezzo.


2) Quando il padre di Einstein chiese al preside di suo figlio quale professione il ragazzo dovesse scegliere, il preside disse: “Non importa; non riuscirà mai a far nulla”.


3) Chiunque può diventare un genio. Dipende dalle scelte che facciamo, da come decidiamo di trascorrere il nostro tempo e da come troviamo le risorse di cui abbiamo bisogno per diventare migliori. Einstein ha letto e studiato molto; ha lavorato duramente per le sue passioni e sui suoi interessi.


4) “Un’ora seduto con una bella ragazza su una panchina del parco passa in un minuto, ma un minuto seduto su una stufa calda sembra un’ora”.


5) Segui la tua curiosità “Non ho un talento speciale. Sono solo appassionatamente curioso“.


6) Grazie alla sua curiosità, Einstein ha scavato in luoghi dove nessuno prima di allora pensava che i miracoli si potessero trovare.


7) La perseveranza non ha prezzo “Non è che io sia così intelligente; è solo che insisto sui problemi più a lungo”.


8) Fare errori “Una persona che non ha mai commesso neanche un errore non ha mai provato nulla di nuovo.”


9) Abbi il coraggio di scoprire e il coraggio di sbagliare. Questo è ciò che divide le persone dal successo e dal fallimento.


10) Crea valore “Non sforzati di avere successo, ma piuttosto sforzarti di avere valore.”


11) La conoscenza deriva dall’esperienza “L’informazione non è conoscenza. L’unica fonte di conoscenza è l’esperienza.”


12) Impara le regole e gioca meglio “Devi imparare le regole del gioco. E poi giocare meglio di chiunque altro.”


13) Ci vengono insegnate le regole del gioco durante il corso di tutta la nostra vita. Che ci piaccia o no, impariamo a giocare secondo queste regole. Se impariamo a preservare, persistere e acquisire esperienza più degli altri, saremo sempre un passo avanti a tutti.


14) L’immaginazione è potente “L’immaginazione è tutto. È l’anteprima delle prossime attrazioni della vita. L’immaginazione è persino più importante della conoscenza.”


15) L’uso delle strategie di creatività di Einstein può renderci notevolmente più efficaci e di successo, sia nel lavoro che nella vita privata.


16) Le verità poco conosciute su Einstein sono duplici: fin dalla tenera età, Einstein aveva un tutoraggio individuale in matematica. Anche se ha mostrato una grande passione e talento per la materia, andava molto male a scuola. Inoltre, Einstein ha addestrato deliberatamente la sua immaginazione visiva per 10 anni prima del suo anno miracoloso.


17) Imparando la storia di Einstein, ci allontaniamo dall’idea di successo come “lampo di genio” che accade da un giorno all’altro e dalla narrativa di Eureka, e troviamo invece un’abilità e un’abitudine apprendibili che Einstein ha esercitato e sviluppato nel tempo.


18) Nikola Tesla. Fin da giovane, Tesla sviluppò un’attitudine ad evocare alla mente persone, società e mondi immaginari. Nella sua autobiografia, descrive come trascorreva ore ogni notte viaggiando con la propria mente, incontrando persone, vedendo nuove città e Paesi, facendo nuove amicizie.


19) Simulazione mentale. Questa capacità è rilevante per i venditori che desiderano anticipare le reazioni di un cliente. È rilevante per un genitore che vuole convincere il proprio figlio a fare qualcosa. È rilevante per qualsiasi artista che vuole sapere come verrà percepito il suo atto creativo. È rilevante per un imprenditore che vuole anticipare le esigenze di un cliente. Questa capacità, inoltre, aumenta anche le nostre risorse per la risoluzione dei problemi consentendoci di attingere alla saggezza dei nostri idoli.


20) In conclusione: siamo tutti nati con un’incredibile capacità di simulare la realtà usando i modelli mentali (tuttavia, spesso la sprechiamo).


21) La mente umana è il sistema più complicato, elegante e sorprendente del mondo. Tuttavia, non ci viene mai insegnato come usarla al massimo delle sue capacità.


22) Come utilizzare la tecnica di Einstein. Che tu sia un dipendente, un programmatore, un investitore, un consulente, un designer, un manager o un imprenditore, hai già un modello di come funziona il tuo campo, persino se le tue conoscenze al riguardo non sono estese.


23) Il trucco ora è trasformarlo in un modello consapevole per poi deliberatamente migliorarlo. Puoi farlo con la tecnica di Einstein, in pochi e semplici passaggi: Costruisci consapevolmente un modello mentale di come funziona il tuo campo. Metti alla prova il modello mentale nella tua mente stimolando mentalmente diversi scenari.


24) Metti alla prova la precisione del tuo modello mentale nel mondo reale. Ripeti i passaggi 1–3 con le lezioni apprese nei passaggi 2 e 3.


25) Step 1: costruisci un modello mentale di come funziona il tuo campo. Per costruire un modello generale, ti consiglio di imparare i più importanti modelli mentali per il tuo campo.


26) Un meccanico ha un modello mentale di un’auto. Un architetto ha un modello mentale di un edificio.


27) Step 2: prova il modello mentale nella tua mente, stimolando mentalmente i diversi scenari.


28) è possibile simulare: Come un pubblico reagirà a un dipinto, un articolo, un video, un podcast o qualsiasi altro atto creativo a cui stiamo lavorando. Come un utente reagirà a una modifica dell’interfaccia utente o all’aggiunta di una funzionalità del prodotto.


29) Come un potenziale cliente reagirà a un messaggio di marketing o di vendita. Come un investitore reagirà a un certo pitch. Come reagisce un avversario sportivo ai nostri movimenti. Come si svolgerà una decisione strategica nel futuro.


30) Step 3: prova l’accuratezza del tuo modello mentale nel mondo reale.


31) Geni del calibro di Edison, Bezos e Zuckerberg, seguono la regola dei 10.000 esperimenti. Nel lungo periodo, le persone e le organizzazioni che fanno più esperimenti hanno maggiori probabilità di avere più successo.


32) Step 4: ripetere i passaggi da 1 a 3 con le lezioni apprese nei passaggi 2 e 3.


33) Ecco le principali raccomandazioni per aumentare la tua velocità di lettura: Non subvocalizzare quando leggi Visualizza in anteprima quello che stai per leggere


34) Tieni traccia dei tuoi progressi di lettura Salta le piccole parole quando leggi


35) Imparare a leggere più velocemente migliora la tua memoria Leggere rapidamente non significa solo sfogliare la pagina. Si tratta anche di conservare meglio le informazioni che il tuo cervello sta elaborando.


36) Imparare a leggere più velocemente migliora la tua concentrazione Uno dei motivi per cui le persone hanno difficoltà a leggere è la mancanza di concentrazione.


37) Imparare a leggere più velocemente fa risparmiare tempo


38) Se potessi leggere un’e-mail o un documento o una lettera nella metà del tempo normalmente impiegato, potresti utilizzare il tempo risparmiato per fare qualcos’altro.


39) Ecco come leggere più velocemente e memorizzare di più. 1. Non subvocalizzare quando leggi La subvocalizzazione è l’atto di pronunciare in silenzio ogni parola nella tua testa mentre leggi.


40) Un trucco che può aiutarti è concentrarti su una parola sulla pagina e fissarla in silenzio per tutto il tempo che puoi. All’inizio ci sarà sicuramente una qualche forma di subvocalizzazione, ma vedi se riesci a sederti e aspettare che diminuisca. Alla fine, sarai in grado di vedere la parola senza dirla ad alta voce nella tua testa.


41) Anteprima di ciò che stai per leggere È più stimolante comprendere cosa stai leggendo quando ti sei già fatto un’idea di che cosa si tratti.


42) Tieni traccia dei tuoi progressi di lettura Non saprai se sei migliorato se non sai da dove hai iniziato. Fai un breve test di velocità e comprensione per scoprire qual è la tua velocità di lettura di base. Da lì, avrai un’idea migliore di come e quanto potrai migliorare. Esercitati a leggere e vedi se riesci a prendere un ritmo più veloce.


43) Salta le piccole parole quando leggi


44) Se sei interessato a risorse esterne, ci sono corsi di lettura online che ti aiutano a imparare a leggere più velocemente e alcune app con programmi di lettura progettati per aumentare la tua velocità.


45) Quando padroneggiamo l’abilità della lettura veloce, rafforziamo le nostre menti. Diventiamo più focalizzati, più vigili e più consapevoli. Aumentiamo le nostre conoscenze e il nostro vocabolario. Diventiamo più fiduciosi nelle nostre capacità di elaborare e di comprendere idee nuove e stimolanti.


46) Come imparare meglio a seconda del proprio stile d’apprendimento


47) Stile visivo Prendi appunti a lezione: gli studenti visivi fanno fatica a ricordare ogni parola che il professore dice. Ecco perché è fondamentale prendere appunti durante le lezioni. Assicurati di annotare anche ciò che è scritto sulla lavagna. Una volta terminata la lezione, rileggi e riscrivi i tuoi appunti


48) Poiché quel processo di lettura e visualizzazione delle parole ti aiuterà a memorizzarle. Sottolinea il materiale, con colori diversi in base a una tua logica personale


49) Studente uditivo La tua prima priorità come studente uditivo è prestare attenzione alle lezioni poiché l’ascolto è il modo in cui conserverai le informazioni. Inoltre, beneficerai anche della registrazione della lezione sul tuo smartphone.


50) Ripeti ad alta voce


51) L’associazione di parole è un ottimo modo per gli studenti uditivi di studiare e ricordare i fatti.


52) Studente cinestetico. Crea diagrammi di flusso: poiché gli studenti cinestetici imparano meglio facendo e sperimentando, la costruzione di una struttura per le note aiuterà la tua mente a comprendere le informazioni e riconoscere facilmente i modelli. Crea diagrammi di flusso e grafici in modo visivo quando riscrivi note e appunti.


53) Combina un’attività con lo studio: gli studenti cinestetici ricordano meglio le informazioni quando svolgono attività. Prova a fare una passeggiata o allenarti in palestra mentre ascolti le registrazioni audio di lezioni e appunti.


54) Digitare gli appunti e utilizzare il computer è un altro ottimo modo per rafforzare l’apprendimento attraverso il senso del tatto


55) 2.3 Come concentrarsi e avere una mente chiara e limpida


56) Indipendentemente da ciò che vuoi realizzare nella tua vita, che si tratti di importanti progetti, grandi obiettivi o piccoli compiti che vuoi portare a termine, per essere produttivo devi avere una mente chiara e focalizzata. Le persone spesso cadono nella trappola della frenesia e procrastinano.


57) Concentrazione, è uno stato mentale in cui una persona che svolge un’attività è completamente immersa in una sensazione di concentrazione energica, con pieno coinvolgimento e godimento del processo dell’attività.


58) Ma cosa fare quando ti senti sopraffatto, stressato, senza direzione e ti

59) risulta difficile concentrarti sui tuoi compiti perché hai una mente ingombra? Stai da solo per un po’ Quando la tua mente è ingombra e trovi difficile concentrarti, allontanati.


60) Riposati. Trascorri del tempo da solo per capire meglio te stesso.


61) Impegnati in attività fisiche


62) Ecco un altro ottimo consiglio per chiarire la tua mente e concentrarti meglio su ciò che fai: impegnarsi in attività fisiche come una camminata veloce, andare in palestra e fare una corsa.


63) In media siamo seduti per 9,3 ore al giorno, che è molto più delle 7,7 ore che passiamo a dormire.


64) Sedersi è diventato il “fumo” della nuova generazione.


65) Non rimanere seduto per tantissimo tempo senza muoverti.


66) Intraprendi attività fisiche per aumentare la tua creatività, produttività e anche per liberare la mente per una migliore concentrazione. Di tanto in tanto, alzati, allunga i muscoli. E non dimenticare di allenarti regolarmente.


67) Fai qualcos’altro di totalmente diverso


68) Quando ti lasci andare, permetti alla tua mente di lavorare sul problema a livello subconscio.


69) Parla con qualcuno di positivo Questo è ciò che molte persone scelgono di fare quando si sentono bloccate. Il problema però è che la maggior parte di loro sceglie di parlare con la persona sbagliata. Scelgono di parlare con qualcuno che non è di supporto e qualcuno che condividerà con loro ancora più esempi e notizie “negative”.


70) Parlare con persone più positive e di successo di te ti permette di assorbire il loro pensiero e le loro convinzioni. Dopo la conversazione ti sentirai meglio, avrai una mente più chiara e sarai in grado di concentrarti di più.


71) Scrivi i tuoi pensieri


72) Scrivere un diario e riempirlo dei tuoi pensieri ti farà sentire bene, e ti aiuterà a rendere il mondo un posto più chiaro.


73) La prossima volta che vuoi avere una mente chiara e una concentrazione migliore, scrivi semplicemente i tuoi pensieri su carta.


74) Medita o fai yoga


75) Quando non hai idea di come fare qualcosa, Google e YouTube possono essere il tuo miglior insegnante.


76) Pratica la respirazione profonda


77) I benefici della respirazione profonda sono enormi: Funziona come antidolorifico naturale Migliora il flusso sanguigno Aumenta il livello di energia Migliora la postura Riduce l’infiammazione Disintossica il corpo Stimola il sistema linfatico Migliora la digestione Rilassa mente e corpo


78) Dedicare anche solo pochi minuti ogni giorno a praticare la respirazione profonda può aiutare il tuo benessere generale. Ma la domanda è: come respirare correttamente e come praticare la respirazione profonda? Ecco una tecnica semplice: segui il metodo di respirazione 4-6-8. Inspira per 4 secondi, trattieni il respiro per 6 secondi, quindi espira per 8 secondi. E fallo un paio di volte regolarmente durante il giorno.


79) Passa del tempo in mezzo alla natura


80) è anche un ottimo modo per liberare la mente e sviluppare una migliore concentrazione sul proprio lavoro.


81) Cerca di trascorrere del tempo nella natura, fai una passeggiata, poi siediti in silenzio e ascolta e senti la natura. Quando avrai finito e tornerai a casa, ti sentirai fresco ed energico.


82) Creare e partecipare a progetti skunkworks. La designazione “skunkworks” è ampiamente utilizzata in ambito commerciale, ingegneristico e tecnico per descrivere un gruppo all’interno di un’organizzazione, al quale viene dato un alto grado di autonomia e non ostacolato dalla burocrazia, il cui compito è di lavorare su avanzati progetti segreti. Sai che il primo computer Apple Macintosh è stato sviluppato da un progetto skunkworks?


83) Sono un ottimo modo per far funzionare liberamente la tua creatività, ma anche un ottimo modo per liberare la mente.


84) Immergiti e fallo


85) Tra tutti i suggerimenti, questo è sicuramente il più impegnativo. Quando senti che la tua mente è ingombra e bloccata, puoi scegliere di

86) Allontanarti dal tuo lavoro, ma puoi anche scegliere di resistere e continuare a concentrarti


87) Le idee inizieranno a fluire e la tua mente si libererà. Le cose diventeranno un po’ più facili. La motivazione e l’ispirazione arriveranno. E ti ritroverai a lavorare in modo produttivo in pochissimo tempo.


88) Tecniche di apprendimento e memorizzazione


89) Metodo d’apprendimento effettivo SQ3R   Il metodo SQ3R è un approccio strategico comprovato e graduale all’apprendimento e allo studio dei libri di testo. È un metodo che funziona perché ti aiuta a scoprire fatti e idee importanti contenuti nel libro di testo, e a padroneggiare e conservare tali informazioni in modo da essere pronto per un esame. SQ3R è un’abbreviazione per aiutarti a ricordare i passaggi e per semplificare i riferimenti.


90) Survey, Question, Read, Recite e Review.


91) Questi cinque passaggi ti aiuteranno a rendere il tuo tempo di studio più efficiente ed efficace. Mentre questo metodo richiederà tempo e pratica per essere padroneggiato, una volta appreso e applicato, non sarà più necessario rileggere i capitoli dei libri di testo.


92) INDAGINE (Survey): [prima della lezione] Lo scopo del sondaggio del capitolo è quello di avere un’idea generale di cosa si tratterà, di che tipo di informazioni fornisce l’autore, in quanti argomenti secondari le informazioni sono suddivise e quanto tempo dovrai passare a leggerlo.


93) Dovrebbe essere composta seguendo lo schema seguente: Titolo del capitolo Introduzione Obiettivi Vocabolario Sommario Domande di verifica Intestazioni in grassetto Grafici e didascalie di accompagnamento


94) DOMANDA (Question): [prima della lezione]


95) Trasforma ogni intestazione in grassetto in una domanda usando una delle seguenti parole: chi, cosa, dove, quando, perché o come. Il motivo per cui dovresti creare una domanda per ogni titolo è quello di stabilire uno scopo per leggere il materiale in modo più dettagliato. Quando stai leggendo per trovare la risposta a una domanda specifica, stai leggendo attivamente.


96) LEGGI (Read): [dopo le lezioni] Leggi attivamente la sezione del testo che accompagna l’intestazione per una risposta alla domanda che ti sei posto


97) Nel passaggio 2. La risposta sarà generalmente costituita dall’idea o dalle idee principali dei paragrafi e dei dettagli di supporto. Leggi la sezione per trovare la risposta. Lo scopo della lettura è trovare la risposta alla tua domanda


98) RECITA (Recite): [dopo le lezioni] Rispondi a ogni domanda a parole tue o riformula le parole dell’autore.


99) Quando riscrivi o riformuli ciò che leggi, la tua comprensione e memoria miglioreranno


100) REVISIONE (Review): [prima della prossima lezione] Per rivedere, memorizzare le risposte e porsi le domande. Se non riesci a rispondere alla domanda, guarda i tuoi appunti e mettiti alla prova di nuovo.


101) Mappe cognitive, mentali e concettuali   La mappatura cognitiva, quella mentale e quella concettuale sono tre potenti strategie di mappatura visiva per l’organizzazione, la comunicazione e il mantenimento della conoscenza. Ci aiutano a delineare idee, processi complessi e riconoscere modelli e relazioni.


102) Grazie alle mappe cognitive potrai comunicare in modo efficace, generare idee e progetti nuovi, elaborare informazioni, memorizzare meglio, arricchire le tue presentazioni e molto altro.


103) Una mappa cognitiva è qualsiasi rappresentazione visiva del modello mentale di una persona (o di un gruppo) per un determinato processo o concetto.


104) L’idea della mappa cognitiva nasce dal lavoro dello psicologo Edward Tolman, famoso per i suoi studi su come i topi hanno imparato a navigare nei labirinti


105) Le mappe cognitive sono il tipo più generale di visualizzazione del modello mentale.


106) Le mappe mentali sono il tipo più semplice di mappe cognitive. Hanno una gerarchia e un formato chiari e sono relativamente veloci da creare e utilizzare. Per le mappe mentali la conoscenza sta nei concetti. Esse sono particolarmente indicate per lo sviluppo della creatività (brainstorming).


107) Una mappa mentale è un albero che rappresenta un argomento centrale e i suoi argomenti secondari. Servono ad aiutare la mente a digerire concetti complessi in modo divertente, creativo e personalizzato.


108) Organizzazione e struttura chiare. Le mappe mentali sono limitate alle strutture ad albero. Hanno flussi chiari e diretti verso l’esterno dalla radice dell’albero alle sue foglie.


109) Le mappe concettuali sono una versione più complessa delle mappe mentali. Pongono l’accento sull’identificazione delle relazioni tra argomenti. Inoltre, un nodo in una mappa concettuale può avere diversi genitori (mentre un nodo in una mappa mentale ne può avere solo uno). Per le mappe concettuali la conoscenza sta nelle relazioni tra concetti.


110) Le mappe concettuali vengono lette dall’alto verso il basso; a differenza delle mappe mentali, un nodo può avere più genitori e i bordi sono etichettati per indicare le relazioni tra i nodi.


111) Una mappa cognitiva, mentale o concettuale, sia individualmente che in gruppo: Fornisce un pensiero visivo tangibile Comunica relazioni o modelli tra concetti Approfondisce la nostra conoscenza e comprensione di un argomento o concetto specifico Ci aiuta a integrare nuove idee con i sistemi esistenti


112) Sintetizza un ecosistema complesso in un’unica visualizzazione che può essere condivisa


113) Manipolare il potere della Creatività


114) 4.1 Come essere più creativi   “La creatività è contagiosa” – Albert Einstein


115) Tutti possono essere più creativi semplicemente facendo alcuni passi aggiuntivi, ma non necessariamente in ordine lineare.


116) La creatività è la capacità di trascendere l’ordinario. È la capacità di “pensare fuori dagli schemi” per trovare soluzioni originali ai problemi. Si tratta in effetti di un elemento necessario in tutti gli ambiti della nostra vita.


117) Ecco i passi principali da percorrere per coltivare la propria creatività:


118) Poni la domanda giusta Pensa alle storie degli inizi di Starbucks e Instagram. Nessuna delle due società sarebbe quella che è oggi se i suoi fondatori avessero continuato a cercare di risolvere le domande originali alle quali cercavano di rispondere. Invece di continuare a chiedersi “Come posso ricreare un bar italiano negli Stati Uniti?”, alla fine Howard Shultz ha esaminato ciò che non funzionava con quell’idea, chiedendosi invece “Come posso creare un ambiente confortevole e rilassante per gustare

119) Un ottimo caffè?”. E mentre Kevin Systrom inizialmente rifletteva su come creare una fantastica app per la condivisione della propria posizione, finì per porsi una domanda migliore: “Come possiamo creare una semplice app per la condivisione di foto?


120) Ad esempio, per la domanda “Come posso costruire una trappola per topi migliore?”, potresti scrivere varianti come “Come faccio a far uscire i topi da casa mia?” o

121) Cosa vuole un topo?” o “Come posso rendere il mio cortile, e non la casa, più attraente per un topo?”. Una delle tue nuove domande sarà probabilmente migliore di quella originale. Fai una sorta di indagine nella tua vita e critica brutalmente un prodotto o una situazione imperfetta con la quale entri in contatto ogni giorno. Una volta che hai un elenco di critiche, pensa ai modi per eliminare questi fastidi. Questo può amplificare la creatività


122) A volte prima di arrivare alla domanda giusta, devi creare qualcosa! Una volta fatto, immagina che la tua creazione venga utilizzata per scopi diversi dall’intenzione originale. Questo processo elimina i tuoi primi presupposti, costringendoti a considerare nuove prospettive.


123) Diventa un esperto. Il segreto di un successo eccezionale non risiede nelle capacità naturali, ma nella pratica deliberata. In effetti, la ricerca suggerisce che essere tra i migliori in qualcosa richiede 10.000 ore di pratica.


124) Dovresti sforzarti di padroneggiare compiti leggermente al di là delle tue capacità. Devi diventare un esperto in un’area prima di poter essere davvero creativo in essa.


125) Ascolta alcuni “TED talk”:


126) Sii aperto e consapevole. I creativi sono sempre alla ricerca di possibili soluzioni.


127) Cerca di essere aperto e curioso e resisti a stereotipare le persone


128) Gioca e fingi. Quando giochi, la tua mente può vagare e il tuo subconscio ha il tempo di lavorare. Ecco perché è necessario un periodo di riposo dal lavoro per far fiorire la creatività. Esplora il futuro: immagina di avere un enorme successo tra cinque anni. Scrivi quanti più dettagli possibile su come si presenta questo successo. Quindi scrivi la storia di come sei arrivato lì ponendoti domande come


129) “Qual è stato il primo passo che ho fatto per raggiungere il mio obiettivo?” o “Qual è stato un primo ostacolo e come lo ho superato?”. Lascia qualcosa di incompleto. Se alla fine della giornata lasci un compito leggermente incompiuto, potrebbe essere più facile iniziare il giorno successivo. Questo perché i fili cognitivi sono lasciati sospesi nella tua mente e mentre ti godi attività non lavorative, il tuo subconscio potrebbe darti una visione improvvisa. Mentre la nostra mente conscia è impegnata a fare

130) altro, è proprio in quel momento che il subconscio risolve i problemi e le questioni che ci assillano.


131) Genera molte idee. Un modo divertente per iniziare ad allenare la capacità di generare nuove idee è elencare usi insoliti per oggetti domestici comuni. Quali sono i modi in cui potresti usare una graffetta, un mattone o un coltello? Concediti cinque minuti per elaborare una lunga lista. Non preoccuparti se le tue idee sono stupide o meno.


132) Interagisci con persone diverse da te. Tutti tendono a circondarsi di persone che sono come noi e questo ci fa sentire sicuri e a nostro agio. Prova anche a immaginarti come qualcun altro, come uno chef, uno studente straniero, un ispettore edile. Come vedrebbero queste persone il mondo?


133) Fai competere le idee l’una contro l’altra. Selezionane due e definisci come sono diverse, anche nei modi più sottili.


134) Dovresti anche pensare allo scenario peggiore. Quali cose terribili potrebbero accadere che potrebbero impedire il successo della tua idea? Non smettere mai di modificare. Tutto può sempre essere migliorato. Trova qualcuno che possa farti da “avvocato del diavolo”.


135) Allena il muscolo della creatività ogni giorno. Tratta la creatività come un muscolo, il quale deve essere regolarmente allenato. Proprio come andare in palestra, prova a dedicare un’ora ogni giorno a scrivere, disegnare, comporre o qualsiasi altra attività artistica di tua preferenza. E mentre continuiamo l’analogia dell’allenamento, è importante fare delle pause durante queste sessioni.


136) Riproduci musica in sottofondo: una giornata in ufficio può essere piena di riunioni e compiti ad alta priorità. La riproduzione di musica di sottofondo alla scrivania ti rilassa e ti impedisce di essere troppo serio tutto il tempo.


137) Scopri a che ora del giorno funzioni meglio Scopri il tuo momento più creativo della giornata e fissa un appuntamento giornaliero programmato. Se sei una persona mattiniera, sarà in quel momento che creerai la maggior parte dei tuoi concetti. C’è tutta una scienza su questo, e devi essere sempre più selettivo e disciplinato su dove e quando la tua attenzione è investita ogni giorno.


138) Metti giù quel telefono Tutti sono in grado di risolvere i propri problemi in modo creativo, sia che tu sia un marketer o un ingegnere, ma i nostri dispositivi elettronici possono inibire il pensiero creativo. La quantità di informazioni che riceviamo da telefoni e computer su base giornaliera è travolgente. A volte, semplicemente prendersi una pausa da questo sovraccarico sensoriale può ispirare nuove idee.


139) Riconosci quando gli “interruttori” impediscono la tua energia. L’energia è fondamentale non solo per la creatività, ma anche per la connettività. Quando siamo in una modalità creativa, gli “interruttori” possono insinuarsi e bloccare la nostra energia, deviando il nostro pensiero. È importante capire che quando qualcosa impedisce alla nostra energia di fluire, questo limita la nostra creatività.


140) Sfida l’ignoto La creatività viene dall’ignoto. Quando puoi lasciare spazio all’ignoto e sfidi ciò che sai, è il momento nel quale accadono le cose più interessanti.


141) Rendi la creatività parte della tua routine quotidiana


142) Inizia ogni giorno con della meditazione per liberare la mente. Oppure recati a lavoro a piedi.


143) Puoi ascoltare un’ampia varietà di podcast o audiolibri che accendano la tua scintilla creativa prima di arrivare al lavoro.


144) 4.2 Come usare la creatività per risolvere i problemi


145) Non possiamo far finta che le cose cambieranno se continuiamo a fare le stesse cose. Una crisi può essere una vera benedizione per qualsiasi persona, per qualsiasi nazione, perché tutte le crisi portano progresso. La creatività nasce dall’angoscia proprio come il giorno nasce dalla notte buia.


146) Senza una crisi non c’è sfida. Senza sfide, la vita diventa una routine, una lenta agonia. Non c’è merito senza crisi.


147) L’incompetenza è la vera crisi. Il più grande svantaggio delle persone e delle nazioni è la pigrizia con la quale tentano di trovare le soluzioni dei loro problemi.


148) Assicurati di aver compreso il problema. Puoi farlo sviluppando una mentalità adatta alla risoluzione dei problemi. Dopo averlo compreso, crea un piano per risolvere il problema. Procedi con il piano mettendo in atto le soluzioni. Guarda il lavoro completato e chiediti “come potrei migliorarlo?”


149) Entra nella mentalità “Cosa” In linea di massima, ci possono essere 2 mentalità per risolvere i problemi. Una è creativa, l’altra è distruttiva. La mentalità “Cosa” inizia con le seguenti domande: Qual è la causa principale del problema? Quali opzioni ho a disposizione per correggere il problema?


150) Cosa posso fare per evitare che si verifichi nuovamente il problema? D’altra parte, la mentalità “Chi” inizia con le seguenti domande: Chi è il deficiente che ha causato il problema? Chi può aiutarmi a raccogliere prove per dimostrare che non è colpa mia? Chi può aiutarmi a liberarmi di quell’incapace? Vedi la differenza tra i due approcci?


151) Concentrati sul problema stesso e chiediti “Cosa posso fare per migliorare la situazione da questo punto di vista?“. Concentra il flusso di idee e le “sfere di energia” su possibili soluzioni al problema, invece di apporre la colpa a qualcuno. Ricorda invece di puntare il dito, che è molto più utile trovare possibili soluzioni. È il risultato positivo finale che conta.


152) Le soluzioni rapide sono molto seducenti. Se non si guarda troppo al futuro, sembra che funzionino. Ma in una prospettiva più a lungo termine, potresti anche trovarti a camminare attraverso un campo disseminato di mine esplosive.


153) Non esistono soluzioni rapide e semplici. Non credere alle soluzioni temporanee. Investi la tua energia per trovare soluzioni definitive, anche se più impegnative da portare a termine.


154) Critica le idee, non le persone Hai un problema. Chiedi aiuto a Giacomo, che propone una soluzione e non ne sei soddisfatto.

155) Puoi reagire in tre modi possibili: Respingere Giacomo e chiamarlo incompetente. Respingere l’idea proposta da Giacomo. Discutere un po’ di più dell’idea di Giacomo.


156) Rimane solo la terza opzione. Nessuna accusa. Nessun giudizio. Solo una semplice conversazione. Permette a Giacomo di capire meglio il problema. È l’inizio di una conversazione, non una discussione. Una piccola dose di cortesia ti aiuterà molto a rimanere concentrato sui meriti puri dell’idea ed evitare distrazioni personali. Ricorda che siamo tutti in grado di generare idee innovative eccellenti e siamo tutti ugualmente in grado di proporre soluzioni stupide. Anche se l’idea non è un granché, potrebbe aiutare a modellare la soluzione, mostrando il percorso migliore da


157) Seguire. Non devi essere eccezionale per iniziare, ma devi iniziare per essere eccezionale. “Non c’è nulla di permanente tranne il cambiamento”, disse Eraclito.


158) Puoi essere un professionista in qualsiasi campo, ma se stai pensando di aver finito con l’apprendimento, ti sbagli di grosso. In effetti, la maggior parte dei nostri problemi potrebbe essere dovuta al fatto che non siamo adeguatamente attrezzati per affrontarli.


159) Come puoi tenerti al passo coi tempi? Impara in modo iterativo e incrementale. Organizzati in modo tale da avere un po’ di tempo ogni giorno per riposarti e recuperare energia. Non deve essere tanto tempo ma deve essere regolare. Il web è vasto. Usalo! Leggi blog e risorse online per farti un’idea dei problemi in cui le persone si

160) Imbattono e delle soluzioni che potrebbero aiutarti a risolvere i tuoi problemi. Partecipa a seminari e conferenze. Le conferenze riuniscono esperti. Questi incontri sono una grande opportunità per imparare direttamente da loro. Leggi voracemente: l’importanza della lettura non può essere sopravvalutata. Come ha detto Stephen King, “Se non hai tempo di leggere, non hai il tempo (o gli strumenti) per nient’altro. È molto semplice.”


161) Ricorda che non devi e non puoi essere un esperto in tutto. Ma stai attento ai cambiamenti del mondo in cui vivi e pianifica la tua carriera e il tuo futuro di conseguenza. E infine, mantieni un registro delle soluzioni.


162) Indovinelli di Einstein   Solo il 2% delle persone riesce a risolvere gli enigmi di Einstein: il 98% non è in grado di trovare la soluzione al problema. Sì, sono proprio difficili.


163) Non c’è niente come un buon indovinello per stimolare la tua mente e darti una scusa per incanalare il tuo Sherlock Holmes interiore. Certo, l’emozione di risolvere i puzzle potrebbe non darti la scarica di adrenalina di un paracadutista, ma fare regolarmente esercizi di logica e cruciverba può mantenere il tuo cervello giovane, e possono essere anche molto divertenti.


164) Il più famoso degli indovinelli di Einstein. “C’è una fila di cinque case di colore diverso. Ogni casa è occupata da un uomo di diversa nazionalità. Ogni uomo ha un animale domestico diverso, preferisce una bevanda diversa e fuma una diversa marca di sigarette. Il britannico vive nella casa rossa. Lo svedese ha un cane. Il Danese beve tè.

165) La casa verde è accanto alla casa bianca, a sinistra. Il proprietario della casa verde beve il caffè. La persona che fuma Pall Mall ha un uccello. Il proprietario della casa gialla fuma Dunhill. L’uomo che vive nella casa al centro beve latte. Il norvegese vive nella prima casa. L’uomo che fuma Blends vive accanto a quello che ha un gatto. L’uomo che ha un cavallo vive accanto all’uomo che fuma Dunhill. L’uomo che fuma Blue Master beve birra.

166) Il tedesco fuma Prince. Il norvegese vive vicino alla casa blu. L’uomo che fuma Blends ha un vicino che beve acqua. Chi ha il pesce?”   Fai parte del 2% della popolazione?


167) Un altro esempio di puzzle a griglia è stato pubblicato nel mese di novembre 1986.


168) Otto coppie sposate si incontrano per prestarsi l’un l’altro dei libri. Le coppie hanno lo stesso cognome, occupazione e auto. Ogni coppia ha un colore preferito. Inoltre, conosciamo i seguenti fatti: Daniella Black e suo marito lavorano come commessi. Il libro “The Seadog” è stato portato da una coppia che guida una Fiat e ama il colore rosso. A Owen e sua moglie Victoria piace il colore marrone. A Stan Horricks e sua moglie Hannah piace il colore bianco.

169) Jenny Smith e suo marito lavorano come magazzinieri e guidano un Wartburg. Monica e suo marito Alexander hanno preso in prestito il libro “Nonno Joseph”. A Mathew e sua moglie piace il colore rosa e ha portato il libro “Mulatka Gabriela”. Irene e suo marito Oto lavorano come contabili. Il libro “We Were Five” è stato preso in prestito da una coppia alla guida di una Trabant. I Cermak sono entrambi controllori e hanno portato il libro “Shed Stoat”.

170) I coniugi Kuril sono entrambi dottori e hanno preso in prestito il libro “Slovacko Judge”. A Paul e sua moglie piace il colore verde. A Veronica Dvorak e suo marito piace il colore blu. Rick e sua moglie hanno portato il libro “Slovacko Judge” e guidano una Ziguli. Una coppia ha portato il libro “Dame Commissar” e ha preso in prestito il libro “Mulatka Gabriela”. La coppia che guida una Dacia, adora il colore viola. La coppia di insegnanti ha preso in prestito il libro “Dame Commissar

171) La coppia di agricoltori guida una Moskvic. Pamela e suo marito guidano una Renault e hanno portato il libro “Nonno Joseph”. Pamela e suo marito hanno preso in prestito il libro che i coniugi Zajac hanno portato. A Robert e sua moglie piace il colore giallo e hanno preso in prestito il libro “La commedia moderna”. I signori Swain lavorano come shoppers. “The Modern Comedy” è stato portato da una coppia alla guida di una Skoda.

172) Riesci a scoprire tutto su tutti?”


173) Il seguente puzzle a griglia è più semplice dei precedenti. “Ci sono 5 navi in un porto. La nave greca parte alle sei e trasporta caffè. La nave nel mezzo ha un comignolo nero. La nave inglese parte alle nove. La nave francese con un comignolo blu è alla sinistra di una nave che trasporta il caffè.

174) A destra della nave che trasporta il cacao c’è una nave che va a Marsiglia. La nave brasiliana si sta dirigendo verso Manila. Accanto alla nave che trasportava il riso c’è una nave con un comignolo verde. La nave che va a Genova parte alle cinque. La nave Spagnola parte alle sette ed è a destra della nave che va a Marsiglia. La nave con un comignolo rosso va ad Amburgo.

175) Accanto alla nave che parte alle sette c’è una nave con un comignolo bianco. La nave al confine trasporta mais. La nave con un comignolo nero parte alle otto. La nave che trasporta il mais è ancorata accanto alla nave che trasporta il riso. La nave per Amburgo parte alle sei. Quale nave va a Port Said? Quale nave trasporta il tè?”


176) Orti “Cinque amici hanno i loro orti uno accanto all’altro, dove coltivano tre tipi

177) Di colture: frutta (mela, pera, noce, ciliegia), verdure (carota, prezzemolo, zucca, cipolla) e fiori (aster, rosa, tulipano, giglio). Crescono 12 diverse varietà Ognuno coltiva esattamente 4 diverse varietà Ogni varietà è almeno in un giardino. Solo una varietà è in 4 giardini. Solo in un giardino ci sono tutti e 3 i tipi di colture. Solo in un giardino sono tutte e 4 le varietà di un tipo di colture. Le pere sono solo nei due giardini di confine.

178) Il giardino di Paul è nel mezzo ed è senza gigli. Il coltivatore di aster non coltiva verdure. Il coltivatore di rose non coltiva il prezzemolo. Il coltivatore di noci ha anche zucca e prezzemolo. Nel primo giardino ci sono mele e ciliegie. Solo in due giardini ci sono le ciliegie. Sam ha cipolle e ciliegie. Luca coltiva esattamente due tipi di frutti. I tulipani sono solo in due giardini. Le mele sono in un unico giardino.

179) Solo in un giardino vicino a quello di Zick c’è il prezzemolo. Il giardino di Sam non è al confine. Hank non coltiva né ortaggi né astri. Paolo ha esattamente tre tipi di verdura. Chi ha quale giardino e cosa cresce dove?”


180) 6. Definire obiettivi SMART   Ti senti mai come se stessi lavorando sodo ma non riuscissi a combinare niente di buono? Forse vedi piccoli miglioramenti nelle tue abilità o risultati quando rifletti sugli ultimi cinque o dieci anni. O forse fai fatica ad immaginare come realizzerai le tue ambizioni nei prossimi anni. Molte persone trascorrono la propria vita alla deriva da un lavoro a un altro, o si affrettano a cercare di fare di più realizzando davvero pochissimo. Impostare obiettivi SMART significa chiarire le tue idee, focalizzare i tuoi sforzi, usare il tuo

181) Tempo e le tue risorse in modo produttivo e aumentare le tue possibilità di raggiungere ciò che desideri nella vita.


182) Per essere sicuro che i tuoi obiettivi siano chiari e raggiungibili, ognuno di loro dovrebbe essere: Specific – Specifico (semplice, sensibile, significativo). Measurable – Misurabile (significativo, motivante).


183) Achievable – Realizzabile (concordato, raggiungibile). Relevant – Rilevante (ragionevole, realistico e dotato di risorse, basato sui risultati). Time Limited – Limitato nel tempo (basato sul tempo limitato, tempestivo). Inoltre, potrebbe essere necessario aggiornare la definizione dell’acronimo SMART per riflettere l’importanza di efficacia e feedback. Infatti, alcuni autori l’hanno ampliato per includere aree di interesse extra; SMARTER, ad esempio, include Evaluated – Valutato e Reviewed – Rivisto.


184) 1. Specifico Il tuo obiettivo dovrebbe essere chiaro e specifico, altrimenti non sarai in grado di concentrare i tuoi sforzi o sentirti abbastanza motivato per raggiungerlo.


185) Nel redigere il tuo obiettivo, prova a rispondere alle cinque domande di base: Cosa voglio realizzare? Perché questo obiettivo è importante? Chi è coinvolto? Dove si trova? Quali risorse o limiti sono coinvolti?


186) Esempio: Immagina di essere attualmente un dirigente di marketing e che tu voglia diventare capo del settore marketing. Un obiettivo specifico potrebbe essere “Voglio acquisire le competenze e l’esperienza necessarie per diventare

187) Responsabile del settore marketing all’interno della mia azienda, in modo da poter avanzare nella mia carriera e guidare un team di successo”. 2. Misurabile È importante avere obiettivi misurabili, in modo da poter monitorare i tuoi progressi e rimanere motivato. Valutare i tuoi progressi ti aiuta a rimanere concentrato, a rispettare le scadenze e a provare l’eccitazione di avvicinarti al raggiungimento del tuo obiettivo. Un obiettivo misurabile dovrebbe rispondere a domande come: Quanto? Quanti?


188) Come farò a sapere quando l’avrò raggiunto? Esempio: Potresti misurare il tuo obiettivo di acquisizione delle competenze necessarie per diventare responsabile del settore marketing una volta che avrai completato i corsi di formazione necessari e acquisito l’esperienza pertinente, il tutto entro cinque anni.


189) 3. Raggiungibile Il tuo obiettivo deve anche essere realistico e raggiungibile perché tutto possa avere successo. In altre parole, dovrebbe ampliare le tue capacità ma rimanere comunque realizzabile. Quando stabi


190) Un obiettivo raggiungibile, potresti essere in grado di identificare opportunità o risorse precedentemente trascurate che possono aiutarti. Un obiettivo raggiungibile di solito risponderà a domande come: Come posso raggiungere questo obiettivo? Quanto è realistico l’obiettivo, basato su altri vincoli, come i fattori finanziari? Esempio: Potrebbe essere necessario chiedersi se lo sviluppo delle competenze richieste per diventare responsabile del settore marketing sia realistico, in base alla


191) Propria esperienza e qualifiche esistenti. Ad esempio, hai il tempo di completare efficacemente la formazione richiesta? Sono disponibili le risorse necessarie? Puoi permetterti di farlo? Fai attenzione alla definizione degli obiettivi su cui qualcun altro ha il potere. Ad esempio, “Ottenere la promozione” dipende dalla decisione di qualcun altro. Ma “ottenere l’esperienza e la formazione di cui ho bisogno per essere preso in considerazione per quella promozione” dipende interamente da te.


192) 4. Rilevante Questo passaggio consiste nel garantire che il tuo obiettivo sia importante per te

193) e che si allinei anche con i tuoi altri obiettivi pertinenti. Tutti abbiamo bisogno di supporto e assistenza per raggiungere i nostri obiettivi, ma è importante mantenere il controllo su di essi. Quindi, assicurati che i tuoi piani ti aiutano a raggiungere il tuo obiettivo fondamentale. Un obiettivo rilevante dovrebbe rispondere “sì” a queste domande: Ti sembra utile? È il momento giusto? Corrisponde ai tuoi sforzi / bisogni? Sei la persona giusta per raggiungere questo obiettivo?


194) È applicabile nell’attuale contesto socioeconomico? Esempio: Potresti voler acquisire le competenze per diventare capo del settore marketing all’interno della tua organizzazione, ma è il momento giusto per intraprendere la formazione richiesta o lavorare per ottenere ulteriori qualifiche? Sei sicuro di essere la persona giusta per il ruolo? Hai considerato gli obiettivi del tuo coniuge? Ad esempio, se vuoi creare una famiglia, completare la formazione nel tuo tempo libero renderebbe questo più difficile?


195) 5. Limitato nel tempo

196) Ogni obiettivo ha bisogno di una data limite, in modo da avere una scadenza su cui concentrarsi e qualcosa su cui lavorare. Questa parte dei criteri degli obiettivi SMART aiuta a impedire che le attività quotidiane abbiano la priorità rispetto agli obiettivi a lungo termine. Un obiettivo a tempo determinato generalmente risponderà a queste domande: Quando? Cosa posso fare tra sei mesi? Cosa posso fare tra sei settimane? Cosa posso fare oggi? Esempio:

197) Acquisire le competenze per diventare responsabile del settore marketing può richiedere ulteriore formazione o esperienza, come abbiamo detto in precedenza. Quanto tempo impiegherai per acquisire queste abilità? Hai bisogno di ulteriore formazione, in modo da poter beneficiare di determinati esami o qualifiche? È importante darsi un lasso di tempo realistico per raggiungere gli obiettivi più piccoli necessari al raggiungimento del tuo obiettivo finale. Vantaggi e svantaggi La tecnica SMART è uno strumento efficace che fornisce la chiarezza, la concentrazione e la motivazione necessarie


198) Per raggiungere i tuoi obiettivi. Può anche migliorare la tua capacità di raggiungerli incoraggiandoti a definire i tuoi obiettivi e fissare una data di completamento. Gli obiettivi SMART sono anche facili da usare da chiunque, ovunque, senza la necessità di strumenti specialistici o di alcun tipo di formazione


199) Pensa a come puoi regolare la tua visione e riformularla come un obiettivo SMART, in modo da poter realizzare il tuo sogno


200) Stabilisci obiettivi che ti motivano Quando stabilisci degli obiettivi per te stesso, è importante che ti motivino: questo significa assicurarsi che siano importanti per te e che ci sia valore nel raggiungerli.


201) Stabilisci obiettivi che riguardano le alte priorità della tua vita. Senza questo tipo di concentrazione, potresti impostare troppi obiettivi, lasciandoti troppo poco tempo da dedicare a ciascuno.


202) Il raggiungimento degli obiettivi richiede impegno, quindi per massimizzare le probabilità di successo, devi sentire un senso di urgenza e avere un atteggiamento vincente. Senza questo, rischi di rimandare ciò che devi fare per trasformare l’obiettivo in realtà. Questo a sua volta ti fa sentire deluso e frustrato,

203) Questo ti demotiverà fortemente. Quindi potresti finire in uno stato d’animo molto distruttivo


204) Imposta gli obiettivi per iscritto L’atto fisico di scrivere un obiettivo lo rende reale e tangibile. Non hai scuse per dimenticartene. Mentre scrivi, usa il tempo verbale al presente invece di “vorrei” o “potrei”. Ad esempio, “Riduco le mie spese operative del 10% quest’anno”, non “Vorrei ridurre le mie spese operative del 10% quest’anno”.


205) Mettili su pareti, scrivania, monitor del computer, specchio del bagno o frigorifero come promemoria costante


206) Prepara un piano d’azione


207) Scrivendo i singoli passaggi e poi cancellandoli uno ad uno quando li completi, ti renderai conto che stai facendo progressi verso il tuo obiettivo


208) Finale.

209) Sii persistente


210) Crea promemoria per tenerti sempre aggiornato e rendi disponibili intervalli di tempo regolari per rivedere i tuoi obiettivi. La destinazione finale potrebbe rimanere abbastanza simile a lungo termine, ma il piano d’azione che hai impostato lungo il percorso può cambiare in modo significativo.


211) Conclusioni


212) . Se vuoi diventare un genio come Einstein, ecco come iniziare a pensare come faceva lui: Fantastica Sapevi che Einstein ha trascorso ore da solo, seduto e pensando, sognando ad occhi aperti e contemplando il mondo che lo circonda? La maggior parte delle persone lo considera come una perdita di tempo, ma quando sogni ad occhi aperti la tua mente crea connessioni tra cose che normalmente consideri totalmente indipendenti.


213) Sognare ad occhi aperti è come un brainstorming per la mente creativa, quindi lascia che la tua mente vada alla deriva e vedi quali incredibili intuizioni puoi ottenere


214) Cerca persone che pensano in modo affine Il modo migliore per incoraggiare il genio che c’è in te, è circondarti di altri geni.


215) Mettiti in contatto con altri geni e lavora con un mentore che ti aiuti a sviluppare il tuo genio specifico nel modo più efficace


216) Pensa Einstein nutriva un costante sospetto verso la struttura educativa, in particolare il modo in cui gli insegnanti gli dicevano: “è così perché lo dico io”. È ora di iniziare a pensare da solo, scoprendo i “perché” di tutto.


217) Educazione variegata Sapevi che Einstein suonava il violino divinamente? La musica gli ha fornito un altro modo di pensare e lo ha aiutato a diventare creativo


218) Tempo perso Quanto tempo pensi che Einstein avrebbe trascorso su Facebook o Instagram se fosse vissuto nei nostri tempi? Passava la maggior parte del tempo a lavorare, studiare, sognare ad occhi aperti o


219) Praticare il violino. Non dedicare il tuo tempo e le tue preziose risorse cerebrali alle perdite di tempo, e invece tagliale fuori dalla tua vita. Non devi riempire ogni ora della tua giornata di lavoro o di studio, ma invece fai cose che ampliano il tuo cervello – come puzzle, parole crociate, Sudoku, il cubo di Rubik e altro ancora


220) Osserva il mondo intorno a te Cammina per il mondo e osserva davvero tutto.


221) Studia. Vuoi diventare un genio come Einstein? Gran parte del suo tempo è stato impiegato ad affinare le sue abilità matematiche e studiare cose nuove.


222) Ci vogliono ore di studio per diventare un esperto e solo una volta che sei un esperto puoi davvero iniziare a diventare creativo e pensare come un genio!


223) Per imparare come lui, sforzati di essere creativo, concentrato e curioso. Questi sono i tre fondamenti sui quali si basa la filosofia di Einstein.


Se vuoi acquistare il libro su Amazon, clicca qui!